Chi aiuta i ragazzi in DAD e le lacune maturate davanti allo schermo?

Luca

Pubblicato da Luca

In un contesto di simile incertezza, chi tutela i ragazzi che hanno difficoltà in DAD

Ho provato ad assistere ad una lezione in didattica a distanza - curioso come sono - a financo di un ragazzo iscritto al liceo e provando vermamente ad immedesimarmi nell'alunno. Ne sono uscito dopo la lezione con un mal di testa ( ed erano solo da 50'), molti dubbi a riguardo e l'incognita che non avrei saputo a chi chiederli.

Inizia a dare lezioni private

Il mercato tecnologico offre ottime soluzioni per l'insegnamento a distanza - a patto che si sappia usarle però! 

Lavagne interattive con fotocamera puntata? ok ma il microfono funziona bene? E dov'è attaccato? Non è possibile stare concentrati ad una lezione se si sente troppo disturbato. Perchè si rischia di non trasmettere sufficientemente bene i concetti della lezione stessa. 

L'età media dei professori di certo non aiuta con gli strumenti elettronici; si deve però pretendere una comprensione maggiore allora anche da parte loro ai ragazzi che sono sballottati tra un fruscio continuo di un microfono integrato ed una connessione non sempre stabile.

E allora chi aiuta i ragazzi?  

Il governo è alle prese con se stesso e si avvicina la parte più importante dell'anno scolastico. Con promesse di aiuti per dare ai ragazzi la possibilità di recuperare con ore extrascolastiche e nulla ancora di fatto, le famiglie si organizzano come possono. E sempre a loro scapito purtroppo. Mettere mano al portafoglio in una situazione del genere non è il massimo - ma per amore del futuro dei figli magari si può anche rinunciare a quella pizza in sabato sera..

Perchè qualunque genitore vorrebbe formare i propri filgli al meglio che può, per garantirgli quell'autonomia lavorativa nel futuro che tanto ha aiutato loro stessi in passato. Ecco allora le sacrifiche.

E' giusto tutto questo? 

Personalmente cerco di venire incontro ai bisogni ed alle necessità degli alunni in difficoltà nel doposcuola (nei limiti del possibile). Credo anche che la Scuola però abbia l'obbligo di occuparsene quanto prima e di garantire un'istruzione paritaria con tutti gli anni. Il passaggio successivo sarà far distinzioni sulle annate identificando come "ti sei maturato con il covid", quindi vali meno sul mercato....

Ti è piaciuto? Condividilo
© 2007 - 2022 Letuelezioni.it è un membro della famiglia GoStudent Mappa del sito: Insegnanti privati